Sede Le lezioni vengono svolte nelle sedi a disposizione dell’Università IUAV di Venezia in base al tipo di lezione prevista dal programma. Le sedi principali che saranno utilizzate sono Palazzo Badoer e il Laboratorio Fistec.  

Palazzo Badoer, San Polo 2468, Venezia Palazzo Badoer deriva dalla «casa del priorato di San Giovanni Evangelista» appartenente alla famiglia Badoer. Un documento del 1350 concede ai Badoer di seppellire i confratelli della Scuola di S. Giovanni Evangelista: il cimitero esiste ancora sotto il salone del palazzo e la sua presenza ha storicamente determinato la particolare tipologia planimetrica dell’edificio (che si può schematizzare a forma di «Z»), che si differenzia da quella di un qualsiasi palazzo veneziano. Successivi interventi, fino alla situazione edilizia formalmente compiuta che ci è pervenuta, sono documentati al 1712; interventi interni sono stati eseguiti in seguito. Nel 1974 lo Iuav acquista il palazzo dall’istituto di Santa Caterina, suore di Nevers. I lavori di manutenzione straordinaria e adeguamento funzionale del palazzo come sede del Dipartimento di storia dell’architettura sono iniziati nell’aprile del 1978. Dal 2008 Palazzo Badoer è sede della Scuola di dottorato IUAV.



Laboratorio di fisica tecnica ambientale FISTEC, via Torino 153/A, Mestre Venezia Il Laboratorio di fisica tecnica ambientale si trova a Mestre, all’interno di un edificio che fino agli anni Novanta aveva ospitato il Macello. L’intervento di recupero ha permesso di recuperare l’intero fabbricato che ora ospita anche altri corsi di laurea dell’Università Ca’Foscari di Venezia. Il Laboratorio di fisica tecnica ambientale si occupa di promuovere ricerche finalizzate all’innovazione nel campo del controllo ambientale e delle proprietà acustiche, illuminotecniche e termofisiche di materiali e componenti. Lo staff del laboratorio sviluppa le sue attività in diverse aree di interesse che riguardano l’acustica, l’illuminotecnica e la termofisica dell’edificio e dei materiali, oltre al comfort ambientale e alla qualità dell’ambiente interno. Si occupa inoltre di controllo ambientale in relazione alla diagnostica e alla conservazione nel campo dei beni architettonici, artistici e culturali. La sede è dotata di spazi dedicati al laboratorio e alla relativa sperimentazione con strumentazione scientifica e aule disponibili per la didattica e per la ricerca.